Obbligo di assicurazione per gli infermieri Liberi Professionisti

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Obbligo di idonea assicurazione per i professionisti in regime di Libera Professione

Secondo la Manovra Finanziaria del 14.9.2011 n. 148 emanata dal Governo è necessario che tutti gli infermieri che hanno un rapporto diretto con i pazienti – sia come dipendenti di un ente (pubblico o privato) che come liberi professionisti – stipulino una polizza assicurativa per la responsabilità professionale in quanto:

  • se i liberi professionisti potranno esser chiamati in causa direttamente dai pazienti,
  • i professionisti dipendenti potranno essere sottoposti ad una azione cosiddetta “di rivalsa” da parte dell’Azienda/Struttura da cui dipendono.

Si evidenzia ai Collegi in indirizzo un aspetto di particolare importanza e cogenza inserito nella “Finanziaria” da ultimo emanata dal Governo; ossia il disposto dell’art. 3, comma 5, lettera e) della
Legge di conversione 14 settembre 2011 n. 148 (GU 16/9/2011 – n. 216) recante “Ulteriori misure urgenti
per la stabilizzazione finanziaria e lo sviluppo” che così letteralmente dispone:
“Gli ordinamenti professionali dovranno essere riformati entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto per recepire i seguenti principi: (omissis.)

e) a tutela del cliente, il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall’esercizio dell’attività professionale. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell’assunzione dell’incarico, gli estremi della polizza stipulata per la responsabilità professionale e il relativo massimale. Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai Consigli Nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti”.
Preme richiamare in specifico:
– che l’obbligo non si riferisce ai professionisti che operano in regime di dipendenza stante che, in tal caso, è l’Ente datore di lavoro che deve impegnarsi rispetto al paziente;
– che la Federazione dei Collegi IPASVI ha già da tempo stipulato una Convenzione assicurativa per tutti i professionisti infermieri operanti sia in regime libero professionale che in regime di dipendenza;
– che tale Convenzione assicurativa offre a tutti i professionisti infermieri una polizza con contenuti estremamente positivi e costi oggettivamente concorrenziali rispetto ad altre offerte;
– che la Convenzione assicurativa stipulata dalla Federazione dei Collegi IPASVI è già stata utilizzata da oltre 30.000 infermieri.

Copertura professionale R.C.

La Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi offre agli iscritti agli Albi l’opportunità di stipulare, a condizioni molto favorevoli, polizze volontarie per la Responsabilità Civile derivante dall’attività professionale.

Per informazioni
Nel sito www.ipasvi.it Polizza RC per tutti gli infermieri;
per informazioni sulle caratteristiche della copertura e le modalità di adesione clicca qui


Polizza Dirigenti
Responsabilità patrimoniale per colpa grave

La Federazione nazionale Ipasvi ha attivato una nuova Convenzione assicurativa volta a garantire la Responsabilità patrimoniale per colpa grave: questa garanzia è particolarmente utile per chi si trova in posizione apicali e, quindi, più soggetto a rischi patrimoniali (intendendosi per tali i pregiudizi economici che si possono cagionare all’ente che non derivano da danni a persone o cose) piuttosto che materiali (i rischi garantiti dalle normali polizze di RC Professionale).
Le condizioni ottenute sono molto favorevoli, sia in termini economici, sia per i vantaggi che una Convenzione “IPASVI” può significare in termini di difesa della categoria.
In questo modo si ritiene di offrire un insieme di garanzie completo a tutti gli iscritti.

Le modalità di adesione e la documentazione possono essere ottenute:

  • contattando il numero verde 800-637709
  • inviando una mail all’indirizzo it_affinity@willis.com
  • inviando un fax di “richiesta informazioni” al numero 011-2443464

E’ altresì importante che anche i dirigenti e i coordinatori infermieristici contraggano una specifica polizza assicurativa per la cosiddetta “Responsabilità patrimoniale” necessaria a coprire i danni patrimoniali causati all’Azienda e per i quali l’azienda stessa dovrà parimenti esercitare una azione giudiziaria “di rivalsa”.
Di seguito alcune situazioni che possono determinare danni patrimoniali all’Azienda sia in termini di maggiori spese che in ammende eventualmente comminate e di cui potrebbero essere responsabili i soggetti che hanno preso parte al processo decisionale:

  • partecipazione a commissioni tecniche che prendano o orientino decisioni implicanti spese
  • mancato esercizio dell’azione disciplinare
  • smarrimento di documentazione clinica
  • responsabilità che emergano avanti il giudice del lavoro in particolare per cause che riguardino riconoscimento di mansioni, indennità oppure trasferimenti illegittimi
  • illegittimità di accordi sindacali sottoscritti che abbiano causato un danno all’Ente
  • responsabilità per sanzioni a seguito di controlli dell’ispettorato del lavoro
  • responsabilità per pareri conferiti ad altre strutture da cui sia derivato un danno (incarichi art. 53 del D. Lsg 165/01; fatture società interinali che dovessero risultare non economicamente rigorose…)
  • applicazione di leggi in tema di organizzazione del lavoro quali D. Lgs 196/03 (Privacy) D. Lgs. 81/08 (Sicurezza sui luoghi di lavoro)
  • assegnazione di erogazioni pubbliche quali borse di studio

Per informazioni
Nel sito www.ipasvi.it potrete trovare nel riquadro IN EVIDENZA la Nuova assicurativa sulla responsabilità patrimoniale per colpa grave rivolta ai dirigenti infermieristici

POLIZZA RC

Share.

Comments are closed.

CHIUDI
CHIUDI